Roberta Giangrande

Roberta Giangrande

psicologa clinica, sessuologa, analista junghiana

La sessualità dalla primissima infanzia ai sei anni

Ritengono i più che all’infanzia manchi l’istinto sessuale e che questo non si svegli che nel periodo della pubertà: errore gravido di conseguenze, perché appunto ad esso dobbiamo l’ignoranza delle condizioni fondamentali della vita sessuale. (S. Freud, Tre saggi sulla teoria della sessualità)
Autori: Dott.ssa Roberta Giangrande

Come esprimono la sessualità i bambini da 0 a 3 anni.
Nella prima infanzia il corpo è strumento espressivo, conoscitivo e relazionale, in funzione alla ricerca del piacere.
L’intero corpo del bambino è fonte di intense percezioni sensoriali, che normalmente sono molto gratificanti e piacevoli (accudimento).
L’accudimento materno è ciò che permette il costituirsi e l’evolversi di relazioni positive che esprimono la sessualità infantile e predispongono a un atteggiamento sereno e fiducioso verso il mondo esterno.
L’atto di succhiare tra le braccia della mamma è una condizione così emotivamente appagante che il lattante utilizza il succhiotto per ricrearla in fantasia.
I lattanti che non possono usufruire di tali esperienze positive, anche se ricevono ottime cure dal punto di vista igienico sanitarie, saranno degli adulti meno fiduciosi e meno aperti al mondo.

bambinoCome esprimono la sessualità i bambini dai 3 ai 6 anni.
I bambini osservano con grande attenzione il proprio corpo e quello degli altri, interrogandosi sulla funzione e sul possibile utilizzo delle varie parti, in particolare di quelle genitali.
L’osservazione-esibizione del corpo è un’espressione tipica della sessualità in età prescolare e permette ai bambini di cogliere le differenze fra maschi e femmine, utilizzando lo strumento simbolico di relazione e comunicazione di eccellenza per il bambino: il gioco (del dottore, dello sposarsi, del papà e della mamma, del vestire e svestire le bambole, ecc.).

L’attività masturbatoria è spesso presente, come ricerca del piacere, di auto-consolazione e desiderio di conoscenza.
I bambini sono molto incuriositi dagli argomenti che riguardano il concepimento e creano delle proprie teorie in proposito. In questa fase dell’infanzia i bambini hanno una fiducia incondizionata nei genitori e negli adulti in genere, perché detentori dell’enorme potere e sapere che li rende capaci di dare la vita ai bambini. A questa età immaginano che questa conoscenza verrà loro rivelata quando diventeranno grandi.
Se non intervengono modalità educative differenzianti, i bambini e le bambine giocano volentieri insieme e non si rilevano differenze importanti nelle attività preferite da maschi e femmine (scarsa differenziazione di ruolo)
Verso il secondo anno di vita incomincia a strutturarsi l’identità di genere, e i bambini non hanno alcun dubbio circa il sesso a cui essi e gli altri appartengono.