Disturbo dell'orgasmo femminile

Caratteristiche e cause diverse
Autori: Dott.ssa Roberta Giangrande, Dott. M. Manenti, Dott. ssa M. Tagliabue, Dott. P. M. Vaccari

La caratteristica fondamentale del disturbo dell'orgasmo femminile è il totale o episodico ritardo, o assenza dell'orgasmo, dopo una fase normale di eccitazione sessuale. Le donne mostrano un'ampia variabilità nel tipo o nell'intensità della stimolazione che porta all'orgasmo.
Nella diagnosi di tale disturbo va valutata l'età del soggetto, la sua esperienza sessuale, e l'adeguatezza della stimolazione sessuale ricevuta. Non ha alcuna importanza, per il raggiungimento dell'orgasmo, l'ampiezza della vagina.

Leggi tutto...

Disturbo dell’eccitazione sessuale femminile

"Senta la donna languido il piacere percorrerla per tutte le midolla" ("Ars amandi", Ovidio)
Autori: Dott.ssa Roberta Giangrande, Dott. M. Manenti, Dott. ssa M. Tagliabue, Dott. P. M. Vaccari

La caratteristica fondamentale del disturbo dell’eccitazione sessuale femminile è l’incapacità di raggiungere o di mantenere fino al completamento dell’attività sessuale, un’adeguata risposta di eccitazione sessuale con lubrificazione-tumescenza.
Spesso questo disturbo è accompagnato da disturbi del desiderio sessuale e dal disturbo dell’orgasmo femminile, ma può anche presentarsi in presenza di rapporti sessuali dolorosi, o in presenza di evitamento sessuale (o di turbe delle relazioni coniugali o sessuali).

Leggi tutto...

Disturbo dell'orgasmo maschile

Caratteristiche e cause più comuni
Autori: Dott.ssa Roberta Giangrande, Dott. M. Manenti, Dott. ssa M. Tagliabue, Dott. P. M. Vaccari

La caratteristica fondamentale del disturbo dell'orgasmo maschile è un totale o episodico ritardo o assenza dell'orgasmo dopo una fase di normale eccitazione sessuale.
Nella diagnosi di tale disturbo va valutata l'età del soggetto e l'adeguatezza della stimolazione sessuale.
Nella forma più comune di disturbo dell'orgasmo maschile, il maschio non può raggiungere l'orgasmo durante il rapporto sessuale, sebbene possa eiaculare con la masturbazione o a seguito di un rapporto orale. Altri ancora riescono a raggiungere l'orgasmo durante il coito, ma solo dopo una lunga stimolazione orale o manuale. Infine alcuni possono eiaculare solo con la masturbazione.
Tale disturbo può anche manifestarsi associato al disturbo dell'erezione.

Leggi tutto...

Disturbo maschile dell'erezione

A seconda delle cause esistono terapie adeguate farmacologiche o psicosessuologiche.
Autori: Dott.ssa Roberta Giangrande, Dott. M. Manenti, Dott. ssa M. Tagliabue, Dott. P. M. Vaccari

La caratteristica fondamentale del disturbo maschile dell'erezione è una totale o occasionale incapacità di raggiungere o di mantenere, fino al completamento dell'attività sessuale, un'erezione utile per la penetrazione. Ci sono diversi tipi di disfunzione dell'erezione. Alcuni soggetti riferiscono l'incapacità di avere l'erezione fin dall'inizio dell'attività sessuale, altri, invece, riportano di avere un'erezione sufficientemente valida per la penetrazione, ma di perdere tumescenza prima o durante la penetrazione stessa.

Leggi tutto...

Disturbo del desiderio sessuale ipoattivo

La perdita di desiderio sessuale può essere episodica o continua.
Autori: Dott.ssa Roberta Giangrande, Dott. M. Manenti, Dott. ssa M. Tagliabue, Dott. P. M. Vaccari

La caratteristica fondamentale del disturbo del desiderio sessuale ipoattivo sia maschile, sia femminile, è l’insufficienza o l’assenza di fantasie sessuali e del desiderio di attività sessuale.
Tale condizione può essere anche indotta dall’uso di farmaci o da malessere fisico che potrebbe acuirsi con l’attività sessuale (bruciori o dolori nell’area genitale).
Uno scarso desiderio sessuale può essere globale e includere tutte le modalità sessuali, oppure può essere situazionale e limitato ad un partner o a una attività sessuale specifica, per esempio al rapporto sessuale, ma non alla masturbazione.

Leggi tutto...

Le più frequenti difficoltà nei comportamenti sessuali

I problemi sessuali più comuni dipendono dal tipo e grado di compromissione funzionale della persona.
Autori: Dott.ssa Roberta Giangrande, Dott. M. Manenti, Dott. ssa M. Tagliabue, Dott. P. M. Vaccari

Vi sono casi in cui il soggetto può non aver mai avuto nessun tipo di esperienza sessuale a causa di una compromissione primaria, o non essere più in grado di esprimere la propria vita sessuale, nel caso di compromissione secondaria.

Leggi tutto...

Breve guida alla valutazione dei problemi sessuali dei disabili: ho bisogno di una visita?

Le cause di esordio di difficoltà nel comportamento sessuale possono diverse cause.
Autori: Dott.ssa Roberta Giangrande, Dott. M. Manenti, Dott. ssa M. Tagliabue, Dott. P. M. Vaccari

La seguente valutazione deve essere fatta naturalmente dal medico che, in base all'indagine, orienterà il paziente dallo specialista più appropriato, tenendo conto che in una diagnosi dei disturbi sessuali è sempre consigliata una visita con un'équipe multidisciplinare, composta da medici specialisti come andrologi, endocrinologi, urologi e neurologi, se necessario, e psicologi specializzati in sessuologia.

Leggi tutto...